AIGUILLE NOIRE DE PEUTEREY

Fantastica e lunga cavalcata fino alla Punta Brentel (m 3500).Si parte dalla Val Veny (m 1500) per raggiungere il rifugio Monzino (2500).La ferrata è lunga e completamente rifatta nuova.Ottima cena e pernottamento al rifugio.Al mattino , partenza alle 5.30, si traversa sotto l’Aiguille Croux con ancora presenza di nevai e arrivati alla “Brogliatta”, con una doppia si è sul ghiacciaio del Freney:ambiente maestoso! Quest’anno con molta neve è meno crepacciato del solito.In due ore si è all’attacco della via.Abbiamo salito L’EQUIPE DEL BRAS CASSES: 600 m , 12 tiri tutti lunghi più di 50 m ,6c+ max , 6c obb. Discesa con 12 doppie evitando pericolosi incastri .Molto faticoso risalire alla “brogliatta” su corda fissa tutta di braccia.Arrivo all’auto alle 21.

ROCCA SBARUA (m 1000 Pinerolo)

Non è il periodo per andare in Sbarua(infatti dovevamo andare da un ‘altra parte).Ma ieri il cielo era coperto con qualche goccia e faceva anche freschino:alla fine abbiamo arrampicato benissimo.Solita camminata di mezz’ora per bucolico sentiero fino al rifugio Mellano e prima salita allo SCUDO DI ENEA (3 tiri max 6a ma gradazione stretta).Calata in doppia ,pausa pranzo, e ripartita su VOYAGE SELON LES CLASSIQUES (4 tiri , 6c massimo ).Belle fessure da integrare a friends:una delle vie più apprezzate del Piemonte per più di un decennio.Abbiamo ripetuto l’ultimo tiro di 6c sia per la bellezza che per cercare di salirlo in libera.Solo qualche cordata sulla Gervasutti/Ronco. Alle 17 siamo andati via quando è uscito il sole caldo.

FERRATA DI CAMOGLIERES

Gita sociale in Val Maira per percorrere una bella ferrata.Da San Damiano Macra, una volta superata la frazione di Lottulo,si arriva a Camoglieres (m 950).In dieci minuti dall’auto ,inizia la ferrata. Si sviluppa fra alte pareti di roccia e tratti di sentiero battuto.E’ dotata di un ponte tibetano e di 3 vie di fuga.In circa 3 ore si arriva alla cima della Crocetta Soprana (m 1320). Bella giornata, niente temporali, 7 partecipanti tutti contenti.

STAIRWAY TO HEAVEN (Vallone del Bourcet – Pinerolo)

Via lunga 16 tiri concatenando le vie PER ELISA – MURO DI PORCELLANA – PARTE ALTA DELLO SPERONE CENTRALE. Sul muro di Porcellana ,fatti i primi due tiri originali,si segue una variante nuova di tre tiri (max 6b+). La parte alta dello sperone centrale,fatta di 7 tiri,ha tre tiri di 6a+ e 6a molto belli. Circa 6 ore di salita .Discesa a piedi per sentiero attrezzato.

VALLE DELL’ORCO

Mitica valle dell’Orco.Da qui è partito il movimento del “NUOVO MATTINO”. E’ il regno delle fessure e dell’arrampicata ad incastro: gli spit si trovano solo sulle placche.Uso indispensabile dei friends.Siamo stati due giornate .Salita la via “DON’T WORRY BE WET” (otto tiri 6b+ max,calata in doppia) nella zona del Sergent un po’ a destra della via Nautilus.Per finire la giornata abbiamo anche salito Incastromania e Paperinik. Seconda giornata con pernottamento al rifugio di Noaschetta( m 1500 non cusodito, 12 posti, chiavi a Noasca, 45 min dall’auto).Abbiamo salito la via “A VOLTE RITORNANO” al Monte Castello Punta Phuc . Un’ ora ed un quarto dal rifugio,400 m di sviluppo, 12 tiri, 7a+ max , calata in doppia. Molto bella!!