Gita Sociale sulle Alpi Liguri

Sabato 15 Settembre partenza da Viozene (1245m) verso il rifugio Don Barbera. Attraversiamo l’ardito ponte delle Vene e valichiamo la Colla di Carnino (1597m), attraversando successivamente le belle borgate del paese omonimo. Sosta alla cappella di Sant’Erim (1913m) per il pranzo e risalita pomeridiana al rifugio don Barbera al Colle dei Signori (2079m). Giornata nebbiosa ma senza pioggia, ma alla sera la luna ci preannuncia una Domenica serena. Dislivello in salita circa 1100m.
Il giorno dopo una bellissima alba ci sveglia, partiamo alle 7.30 dal rifugio ed affrontiamo le rampe della via diretta alla Cima del Marguareis (2651m) , vetta piu’ alta di questa porzione di Alpi. Discesa verso il colle Palu’ (2485m) ed il colle del Pas (2340m) su sentiero in parte attrezzato, da dove iniziamo la salita verso cima Pian Ballaur (2603m) su ampie praterie. Giunti in vetta , veloce spuntino perche’ le nuvole cominciano ad arrivare dalla Francia. Discesa di circa 150m e risalita sulla Cima delle Saline (2612m) dove giungiamo poco prima di mezzogiorno.
Dalle Saline scendiamo quasi verticalmente al passo delle Saline (2177m) . Sosta ristoratrice prima di affrontare l’ultima lunga salita verso Pian Comune (2407m), Cima delle Colme (2372m) e quindi , dopo essere scesi al Bocchin delle Scaglie (2325), risaliamo la vetta del Mongioie (2630m) dove arriviamo stanchi ma felici intorno alle 14.30.La gita termina a Viozene dopo un’infinita discesa ed una birra ristoratrice al Rifugio Mongioie. Dislivello in salita circa 1800m .
Grazie a tutti i partecipanti per aver condiviso questa splendida cavalcata sulle Alpi Liguri.
Partecipanti 7

Cima di Fremamorta (m 2731)

Bella gita sociale in Val Gesso, meteo ottimo. Difficoltà E , 1100 m di dislivello partendo dal Pian della casa del re.Partenza ore 5.30 dalla sede del Cai. Si arriva prima ai laghi di Fremamorta inferiore e superiore con eventuale appoggio il bivacco Guiglia.Bella fioritura lungo il percorso.Rientro in serata , dieci partecipanti.

INVERNO 2018 SUL MONTE BEIGUA

Grazie all’effetto Burian di questa fine inverno a febbraio 2018, i nostri soci hanno sfidato le temperature polari per regalarci queste magnifiche immagini del monte Beigua e dello Sciguello.

GIORNATA DEI SENTIERI LIGURI – 24 Settembre 2017

In occasione della prima edizione della Giornata Regionale dell’escursionismo ligure, la sezione CAI di Varazze ha proposto un’escursione su un percorso storico – archeologico: la Strada Megalitica nel Geoparco del Beigua.
Un itinerario semplice, non impegnativo, ma pieno di fascino a cui hanno partecipato undici soci della sezione e due non soci. L’escursione si è svolta in una classica giornata di inizio autunno ligure, ancora calda e umida, caratterizzata da “maccaia” con copertura del cielo pressoché totale che non ha permesso una visuale a 360 gradi, ma che forse, vista la particolarità dei luoghi, ha reso l’uscita ancora più suggestiva.
Partendo da Faie, frazione di Varazze (480 m), si segue per un tratto il sentiero che ha per segnavia una croce rossa e diretto al M. Beigua. Dopo aver risalito una splendida mulattiera bordata di faggi si giunge ad un crocevia dove in una vicina radura un semicerchio di pietre affiancate delimita quello che gli archeologi hanno chiamato il “Recinto sacro”. A questo punto, lasciato il sentiero diretto al M. Beigua, si svolta a destra e qui inizia la discesa sulla Strada Megalitica. Si tratta di un viale lastricato lungo 200 metri protetto a valle da un muro continuo fatto di triliti tamponate con pietre piu’ piccole. L’ itinerario prosegue ancora fino alla brulla, magnetica e rocciosa cima del Monte Greppino (680 m), già nota agli antichi abitanti per la capacità di attirare i fulmini. Ridiscesi su una sella (621 m) dove sorge un pilone votivo, si svolta a destra si torna a Faie punto di partenza dell’ itinerario.
La meta del nostro itinerario e’ stata a lungo oggetto di studi: elementi come la tecnica trilitica usata per la costruzione del muro della Strada Megalitica, e il circolo di blocchi (cromlech), orientato verso il Monte Greppino, inducono a ipotizzare che si trattasse di un tracciato celtico usato a scopi rituali e religiosi.
Con questo itinerario sulle tracce della storia abbiamo voluto divulgare i pregi naturalistici e culturali del nostro territorio, in particolare dell’ area che gravita attorno al massiccio del Beigua.
Confidando per la prossima edizione in un meteo piu’ favorevole e in una piu’ ampia partecipazione, arrivederci alla Giornata dei Sentieri 2018!

Traversata Italo – Svizzera attraverso il passo di Monte Moro da Macugnaga al Lago di Mattmark nella Valle di Saas – In collaborazione con il CAI di Macugnaga

La gita si è svolta nei giorni 22 e 23 luglio. Ma già dal mese di marzo tutti i 36 posti disponibili sul pullman erano stati prenotati, così come le sistemazioni nel rifugio Oberto – Maroli ai 2796 mt in prossimità del Passo di Monte Moro (capienza non per tutti) e l’alternativa in albergo nella frazione Pecetto.
Gli amici del CAI di Macugnaga, con cui da alcuni anni si sono instaurati vicendevoli incontri per meglio conoscere le rispettive realtà paesaggistico – ambientali, nonché socio – culturali, ci accolgono presso la struttura del Palatenda di Pecetto, addobbata con striscioni di benvenuto, dove ci viene offerto un gradito rinfresco.
In base alla sistemazione logistica ed alle capacità individuali, si costituiscono vari gruppi. Il gruppo che alloggia a Pecetto, accompagnato dai soci del CAI Macugnaga, inizia l’escursione che ha come meta il Lago delle Fate in Val Quarazza. Su comodo sentiero, abbastanza ripido, si sale al cosiddetto Lago Secco (mt. 1550) e si continua la salita fino a raggiungere l’Alpe Bletz (mt. 1690). Attraversata una bellissima abetaia e costeggiato i ruderi di antiche baite e casere, si apre l’orizzonte con una grandiosa vista su tutta la Val Quarazza con i vari passi verso la Val Sesia. Da qui si scende al Lago delle Fate (mt. 1309) potendo godere di un bellissimo scorcio sul lago.Continua…