FALESIA delle CENTO CORDE

Sabato 17 aprile 2021 attività arrampicatoria per principianti alla Falesia delle Cento Corde. Ambiente eccezionalmente bello!! Si arriva da Verezzi in un quarto d’ora e si è in esposizione sud con vista mare. E’ al riparo dal vento del nord. Eravamo in 5 molto soddisfatti. Tiri medio facili ma roccia ottima. Meteo super.

SAGARMATHA

Nuova falesia in quel di Albenga .Si chiama Sagarmatha (Everest in Nepalese). Si raggiunge da Veravo con un’ora di salita, ma la fatica ne vale la pena: il posto, la roccia e la falesia sono molto belle!! Tiri lunghi anche 35 m e difficoltà dal 5c all’ 8a.

ARCO

Cinque giorni nella valle del Sarca (Arco-Trento). Si possono salire molte vie lunghe ,molte più che a Finale. Il periodo buono è ottobre/novembre per il soleggiamento e la temperatura. Comodi pernottamenti in appartamenti autogestiti . Siamo stati alla parete San Matteo (Via caldo inverno ) ,alla Croce di Ceniga (via Crucis) , alla Costa dell’ Anglone (via Dalla storia all’antistoria ), al piccolo Dain ( vie Pilastro Massud e Le strane voglie di Amelie ). Discese su sentiero o su vie ferrate. Meteo e compagnia ottima!!!

Estate 2020: DOLOMITI

Quest’estate siamo stati in molte zone famose per arrampicare. Oltre a quelle già illustrate negli articoli precedenti, siamo stati al Corno Stella ,ad Ailefroide, nel vallone di Sea  ed anche in Dolomiti. Il posto merita sicuramente una visita annuale. Quest’anno campo base a Colfosco in Val Badia in tenda. Abbiamo salito la via GAM alla Cima Ciampac (600 m, 17 tiri, 6b max , discesa a piedi) e la via ICTERUS alla prima torre di Sella (180 m, 6 tiri , 6c+ max , discesa a piedi. Meteo un po’ variabile, come spesso succede, ma sostanzialmente bello.

WENDEN

Il wenden si trova in Svizzera,due ore di auto dopo Lugano, oltre il Sustenpass.Il posto è molto bello:alpeggio contornato da montagne innevate e da spettacolari pareti di calcare.”La verticalità delle dolomiti,la roccia del Verdon portata a 3000m e l’ingaggio più duro di tutte le alpi”(fratelli Remy).Gli avvicinamenti sono lunghi (2 ore) su pendii ripidi erbosi e pericolosi a 45°.Non manca nulla!!

Difficoltà:
“Le vie del Wenden sono difficili perché sono fisiche. E’ questo il vero motivo che le distingue dalle vie di altre zone come il Ratikon o la Marmolada. Gli avambracci sono sollecitati come e più che in falesia, ed allora è impossibile gestire la chiodatura lunga affidandosi ai piedi, come su vie di placca. Anche per questo pensare di trovare, nella pietra compattissima, il modo di alleviare la paura con un Friend o un nutContinua…